bollino blu auto revisione

Bollino blu auto obbligatorio, ogni quanto va fatto?

Il bollino blu auto è quel bollino che eravamo soliti esporre sul parabrezza. “Eravamo”, perché, con l’ART. 11 comma 8 del Decreto sulle Semplificazioni, non è più obbligatorio

Il bollino blu auto è quel bollino che eravamo soliti esporre sul parabrezza. “Eravamo”, perché, con l’ART. 11 comma 8 del Decreto sulle Semplificazioni, non è più obbligatorio esporlo ma dobbiamo comunque possederlo per mostrarlo alle Autorità Competenti, qualora ci venisse chiesto. Di solito viene controllato durante la manutenzione auto da fare periodicamente alla macchina.

Il tagliando, serve a controllare che il nostro veicolo rispetti i limiti di emissioni inquinanti previsti dalla Direttiva Europea sulle emissioni inquinanti.

Bollino blu auto, una mano per evitare l’inquinamento

I gas di scarico delle nostre auto, infatti, sono una delle prime cause di inquinamento in Europa e proprio per questo, i nostri veicoli sono sottoposti a dei controlli per tenere entro i limiti, le emissioni inquinanti. Infatti, gli impianti di scarico potrebbero usurarsi ed andare ad emettere troppo inquinamento, dunque, vanno controllati e, nel caso si riscontrassero dell’anomalie, riparati o sostituiti.

Qualsiasi veicolo a benzina, diesel, gas, metano ma anche ciclomotori e moto sono obbligati ad avere il bollino blu, a prescindere dal luogo di residenza del proprietario. Le uniche eccezioni sono date dalle auto storiche (che sono iscritte in determinati registri), le auto elettriche, le auto delle Forze Armate e dei non civili. Con il Decreto Legge del 9 febbraio 2012, è stato stabilito che: “il controllo obbligatorio dei dispositivi di combustione e scarico degli autoveicoli e dei motoveicoli, deve essere effettuato solo al momento della revisione obbligatoria del mezzo”.

Bollino blu a braccetto con la revisione

Il bollino blu, quindi, viene rilasciato ogni qualvolta facciamo la revisione del nostro veicolo, cioè, ogni 2 anni per i veicoli che hanno più di 4 anni, mentre per i veicoli nuovi, dopo 4 anni dall’immatricolazione (entro il mese in cui è stata rilasciata la carta di circolazione) e successivamente ogni 2 anni (entro il mese in cui è stata effettuata l’ultima revisione). Il controllo delle emissioni dei gas di scarico dei veicoli a motore deve essere effettuato da operatori privati, esercenti attività di officina meccanica o elettrauto: centri revisione auto autorizzati, ACI o Motorizzazione Civile.






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *