parabrezza ghiacciato

Parabrezza ghiacciato, l’utilizzo del telo paraneve

D’inverno può nascere l’esigenza di proteggere la propria auto (i vetri, in particolare) dalla formazione di ghiaccio, soprattutto se viene lasciata fuori di notte

D’inverno può nascere l’esigenza di proteggere la propria auto (i vetri, in particolare) dalla formazione di ghiaccio, soprattutto se viene lasciata fuori di notte, quando c’è un abbattimento delle temperature notevole. Questo, anche per evitare di dover eliminare il ghiaccio la mattina seguente, quando si va a riprendere di nuovo l’auto per i propri spostamenti.

Ci sono delle pratiche consigliate e altre che, invece, possono semplicemente andare a peggiorare la situazione.

Si pensa che, come il sale sulla strada possa evitare la formazione di ghiaccio, così possa funzionare anche sull’auto: molti, preventivamente, cospargono la propria auto di sale con la convinzione che questo non farà formare il ghiaccio.

Ma è del tutto sbagliato!

Parabrezza ghiacciato, attenzione ai danni

Poiché, in presenza di piccoli graffi sul vetro, il sale potrebbe solo andare a peggiorare la situazione creando delle crepe. Inoltre, se dei granelli di sale rimangono sul vetro, una volta azionati i tergicristalli, si può andare a comprometterne le spazzole. Dunque, meglio utilizzare dei metodi più affidabili e che non vanno a danneggiare i vetri (o i tergicristalli). Il migliore rimedio preventivo rimane quello di dotarsi di un telo copriauto, resistente ed impermeabile.

Molto spesso sono realizzati in PVC e con degli angoli elastici che permettono di poterli adattare a qualsiasi auto. In alternativa, si possono provare delle vecchie lenzuola oppure cartoni spessi.

O ancora, molti utilizzano dei fogli di giornale o fogli di pluriball, tenuti fermi dai tergicristalli: questi rimedi “casalinghi”, tuttavia, si impregnano velocemente di acqua e sono poco pratici a differenza del vero telo copriauto.

Tornando al telo, nonostante la sua “protezione”, un sottile strato di ghiaccio potrebbe comunque formarsi: sarà sufficiente raschiarlo via con un raschietto dai bordi in gomma (evitando “oggetti di fortuna” come vecchi CD) oppure semplicemente azionando il riscaldamento, per poter mettersi in viaggio tranquillamente e in sicurezza.






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *