Nuova Mazda3, dotazioni di sicurezza per proteggere gli occupanti

Nuova Mazda3, dotazioni di sicurezza per proteggere gli occupanti

Gli obiettivi fondamentali della Sicurezza Proattiva della nuova Mazda3 sono quelli di offrire rassicurante fiducia a chi guida e a tutti gli occupanti

Gli obiettivi fondamentali della Sicurezza Proattiva della nuova Mazda3 sono quelli di offrire rassicurante fiducia a chi guida e permettere a tutti gli occupanti di provare un’esperienza di viaggio davvero piacevole. Basandosi su questa filosofia, il team di sviluppo ha evoluto gli aspetti ergonomici di base come la posizione di guida, la disposizione dei pedali e la buona visibilità, insieme ai sistemi avanzati i-ACTIVSENSE e alle tecnologie di sicurezza passiva destinate a proteggere chi è a bordo in caso di collisione.

Con un occhio rivolto al futuro, Mazda sta costantemente elevando i livelli di sicurezza offerti dalle sue vetture. L’obiettivo è quello di offrire un’esperienza di guida sicura e rassicurante per tutti, dai neopatentati ai conducenti più esperti e ai passeggeri dei sedili posteriori. Mazda è impegnata a evolvere ulteriormente le sue tecnologie di sicurezza per arrivare gradualmente a far sì che gli incidenti stradali diventino cose del passato.

Sicurezza attiva: i-ACTIVSENSE

La Nuova Mazda3 è disponibile con il nuovo sistema di Monitoraggio Conducente. Il sistema utilizza sia una telecamera a infrarossi che LED a infrarossi per osservare lo stato del conducente durante la guida. Esso monitora costantemente di quanto sono aperte le palpebre del conducente, quante volte batte le ciglia, nonché angolazione della bocca e viso per determinare i livelli di sonnolenza o affaticamento. Monitora inoltre linea di visuale e movimento degli occhi per stabilire quando il conducente sta perdendo attenzione. Se il sistema valuta che la situazione stia diventando pericolosa, fa suonare un allarme per renderne consapevole il conducente e agisce insieme al sistema Smart Brake Support (SBS) per ridurre il tempo di attivazione dell’avvertimento acustico di frenata.

Sulla Nuova Mazda3 è disponibile il sistema Front Cross Traffic Alert (FCTA). Il sistema utilizza radar anteriori di nuova adozione per rilevare eventuali veicoli in avvicinamento dai punti ciechi davanti a destra e/o sinistra e allerta il conducente della loro presenza. Questo aiuta a prevenire una delle cause di incidente più comuni, cioè quando la vettura imbocca un incrocio a T con la visuale parzialmente occlusa.

Sulla Nuova Mazda3 è disponibile anche il nuovo sistema Cruising & Traffic Support (CTS) di Mazda. Il CTS aiuta a ridurre l’affaticamento del conducente assistendolo nelle operazioni di accelerazione, frenata e sterzata, quando bloccato in un ingorgo in autostrada. Contribuisce anche a un’esperienza di guida più sicura, rassicurante e confortevole in condizioni che richiedono un costante intervento delle funzioni assistite.

Sicurezza passiva

La percentuale degli acciai ad altissima resistenza di 980MPa o superiore è stata notevolmente incrementata, passando dal 3% del modello precedente al 30% della Nuova Mazda3. Questo, combinato all’aggiunta di una nuova traversa perimetrale e di longheroni posteriori che si deformano a fisarmonica, crea una solida scocca in grado di resistere alla forza d’urto e una struttura del telaio che assorbe efficacemente l’energia.

La Nuova Mazda3 presenta un nuovo airbag per le ginocchia del conducente. Inedito sulle Mazda, verrà adottato di serie su tutti i mercati. Eliminando lo spostamento in avanti del corpo del conducente in caso di collisione, questo nuovo airbag contribuisce ad attenuare i danni a gambe, torace e addome del conducente.
Ciascuno degli airbag laterali è suddiviso in due camere, anteriore e posteriore. Usando una pressione ridotta nella camera anteriore e una pressione più alta nella camera posteriore, si riduce il carico esercitato sulla gabbia toracica mantenendo nel contempo il corpo saldamente in posizione.

Il cofano adotta una nuova struttura interna ad assorbimento di energia progettata per attenuare gradualmente la forza d’impatto sulla testa del pedone dal momento iniziale del contatto, assorbendo più rapidamente l’energia dell’urto. Il paraurti anteriore è concepito per supportare cosce e stinchi qualora il contatto avvenga con le gambe del pedone, attenuando nel contempo il colpo sulle ginocchia. Ciò riduce l’entità delle lesioni a ginocchia e legamenti causate da piegamento e torsione.






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *