MV Agusta Brutale 1000 Serie Oro: meccanica ed elettronica al top

MV Agusta Brutale 1000 Serie Oro: meccanica ed elettronica al top

Il quattro cilindri è un’unità che non tradisce la tradizione MV Agusta Brutale per quanto riguarda le scelte tecnologiche

Il quattro cilindri è un’unità che non tradisce la tradizione MV Agusta Brutale per quanto riguarda le scelte tecnologiche, ma volta pagina per quanto riguarda materiali, progettazione, elettronica. Un lavoro certosino che ha portato alla potenza record di 208 cv a 13.450 giri con una coppia di 115,5 Nm. Numeri che rendono questo motore uno dei più potenti quattro cilindri aspirati e la Brutale, inequivocabilmente, la naked più potente del mondo. Con il kit dedicato, composto da centralina e impianto di scarico SC-Project, la potenza raggiunge l’eccezionale valore di 212 cv (156 kW) a 13.600 giri/min.

Pur mantenendo il layout tipico e proseguendo con la scelta di adottare la distribuzione a valvole radiali e la catena di distribuzione centrale, caratteristiche tecniche uniche tra i propulsori a quattro cilindri motociclistici, gli ingegneri MV Agusta hanno rivoluzionato il progetto originario, lasciando invariato solo il disegno di alcuni carter.

MV Agusta Brutale 1000 Serie Oro: combustione interamente riprogettata

Le valvole radiali ora scorrono attraverso nuove guide valvole e si aprono su una camera di combustione interamente riprogettata. Rivisti gli alberi a camme, che hanno alzate e fasature diverse sia lato aspirazione, sia lato scarico. I pistoni sfruttano segmenti Asso a basso attrito per migliorare performance ed efficienza, mentre l’albero motore è stato riprogettato da zero e ribilanciato per limitare al massimo vibrazioni e assorbimenti di potenza ai regimi elevatissimi a cui è chiamato a girare.
Se la parte termica è il “cuore” di un motore, l’impianto di lubrificazione è il sistema arterioso, altrettanto vitale per consentire a tutti gli organi di lavorare al meglio e a temperature ideali.

Quello del nuovo 4 cilindri 1000 MV Agusta è stato interamente riprogettato, attingendo a piene mani dall’esperienza in gara. Arriva proprio dalle competizioni il sistema a “splitter”, che consente di separare l’olio dagli organi in movimento. Ne deriva una lubrificazione che potremmo definire a carter semisecco e che, insensibile alle condizioni di marcia (pieghe e impennate), assicura sempre la lubrificazione ideale e soprattutto contribuisce a ridurre gli attriti.

Focus principale: riduzione degli attriti

Non si raggiungono tali livelli prestazionali se si trascurano i dettagli: la riduzione degli attriti è l’ultima frontiera di ogni motore ad alte prestazioni. Una riduzione che sul motore MV Agusta, oltre che dai nuovi pistoni e dal nuovo circuito di lubrificazione, passa anche attraverso la trasmissione rivista e che utilizza ingranaggi ridisegnati proprio per ridurre attriti e rumorosità. Il pilota percepirà un motore estremamente “qualitativo”, silenzioso e incredibilmente pronto nella risposta.

A ridurre la  rumorosità a limiti inferiori da quanto richiesto dalle attuali normative contribuiscono il nuovo coperchio della ruota fonica e il coperchio frizione ridisegnato.
Per raggiungere la straordinaria potenza di 208 cv l’airbox è stato interamente riprogettato; l’attento studio dell’altezza delle trombette di aspirazione e l’utilizzo di speciali risuonatori ha consentito di rinunciare al sistema TSS (cornetti ad altezza variabile), riducendo quindi di 1 kg il peso del motore e ottenendo tuttavia un’erogazione ancora più piena e regolare rispetto al passato.

Un sistema a doppi iniettori – uno in prossimità della farfalla, l’altro a doccia sopra al cornetto di aspirazione – consente di avere una gestione estremamente precisa del carburante iniettato per ottimizzare performance e pulizia dell’erogazione a qualsiasi regime.
Componente fondamentale di ogni motore è ovviamente lo scarico, progettato ad hoc per la nuova Brutale.

Il frazionamento 4-1-4 è stato ritenuto il migliore per questo tipo di motore

La presenza della valvola parzializzatrice è utile non solo per rientrare nelle normative, ma si è rivelata fondamentale per gestire la contropressione nei collettori e migliorare la qualità dell’erogazione.
MV Agusta ha sviluppato in collaborazione con Eldor una nuova centralina dedicata al quattro cilindri della Brutale 1000 Serie Oro.
Gestita da un sistema Full Ride by Wire multimappa e regolata da una piattaforma inerziale IMU, la dinamica di guida della moto è paragonabile a quella di una vera Superbike. La piattaforma inerziale gestisce sia il controllo di trazione (regolabile su 8 livelli e disinseribile), sia l’anti wheelie, che propone due opzioni: attivo o non attivo, in modo da semplificare l’utilizzo da parte del pilota.

Launch control e cambio elettronico EAS 2.0 Up&Down, attivo sia in salita sia in scalata, chiudono il quadro di una gestione elettronica al vertice della categoria.






1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *