Auto usate, sempre più italiani si orientano su questo mercato

Auto usate, sempre più italiani si orientano su questo mercato

Nei primi sei mesi del 2018 sono sempre più gli italiani che si orientano sulle auto usate. L’interesse per il diesel resta alto, nonostante le campagne contro

Nei primi sei mesi del 2018 sono sempre più gli italiani che si orientano sulle auto usate. L’interesse per il diesel resta alto, nonostante le campagne contro, e cresce l’attenzione verso i modelli “green” (+24%). Stabili i prezzi offerti mentre l’età media delle vetture in vendita è di 7,5 anni. La Golf è l’auto più richiesta in assoluto, mentre tra le ecologiche spicca la Toyota Auris.

Roma, Napoli e Milano prime province per passaggi di proprietà, ma rispetto alla popolazione residente maggiorenne Trento e Aosta sono le più dinamiche. Trieste e Milano le “più care”, L’Aquila e Napoli le “più economiche”

Auto usate, continua a crescere il mercato

Dopo aver archiviato il 2017 con una crescita del +4,7%, il mercato delle auto usate continua a piacere agli italiani, con un ulteriore incremento dei passaggi di proprietà nel I semestre del +5,3% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Il prezzo medio delle vetture offerte sul mercato, pari a € 12.210, è sostanzialmente stabile, ma con un valore al di sotto di Paesi come Germania, Spagna e Francia, mentre l’età media delle auto in vendita (7,5 anni) aumenta leggermente.

Cosa cercano gli italiani?

Al primo posto c’è sempre il diesel: nonostante le limitazioni e le campagne “contro”, la quota sul totale dei passaggi di proprietà non è calata. Non solo, nel I sem. 2018 l’interesse verso questo tipo di alimentazione segue la crescita delle altre alimentazioni (+5% delle richieste). Aumenta l’attenzione anche per le auto “green” usate ibride ed elettriche (+24% delle richieste), seppur rappresentino ancora una quota limitata e nonostante il prezzo medio delle auto in vendita abbia raggiunto € 21.100 (+7,3%). Tra le auto più richieste vince su tutte la Volkswagen Golf, mentre tra le green ibride ed elettriche spicca la Toyota Auris.

Questo il quadro che emerge dall’Osservatorio di AutoScout24 (www.autoscout24.it), il portale di annunci auto e moto, leader in Europa, sul mercato delle auto usate in Italia nel I semestre 2018.

Secondo l’elaborazione del Centro Studi di AutoScout24 su base dati ACI, nel I semestre 2018, rispetto allo stesso periodo del 2017, i passaggi di proprietà sono infatti aumentati del +5,3%, superando 1.565.500 atti. Tra i capoluoghi di regione[1], ai primi posti per numerosità troviamo Roma (118.663 passaggi), Napoli (74.559) e Milano (71.365), ma se si confrontano i dati con la popolazione residente maggiorenne, si vede come il podio passi a Trento con 412 passaggi di proprietà ogni 10mila abitanti, Aosta (372) e Perugia (342). 

Ma cosa accade sul fronte dei prezzi delle auto in offerta sul mercato?

Nel I semestre 2018, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, si rileva una sostanziale stabilità, con un prezzo medio di vendita che si attesta a circa € 12.210. Un dato comunque inferiore ad altri Paesi Europei come Francia (€ 18.500), Germania, Spagna (€ 15.510) e Francia (€ 14.060). Per acquistare una vettura sul mercato italiano, tra le province capoluogo di regione “più care” troviamo al primo posto Trieste con un prezzo medio di € 16.190, seguita da Milano con € 15.320, Bologna con € 15.000, Venezia con € 14.890 e Roma con € 12.860. Nettamente più economica l’offerta a L’Aquila e Napoli, dove gli acquirenti devono prevedere rispettivamente € 9.870 e € 10.140. 

Cosa cercano gli italiani nel I semestre?

Se nel nuovo il diesel inizia a sentire il peso delle limitazioni e delle “campagne” contro (pur mantenendo la quota predominante), nell’usato non si segnala un calo. Secondo i dati ACI, infatti, nel I semestre i passaggi di proprietà sono pari al 50,3% sul totale (nel I sem. 2017 era del 50,5%). Un dato confermato anche dai dati interni di AutoScout24, che nei primi sei mesi del 2018 registra un aumento dell’interesse per il gasolio in linea con le altre motorizzazioni: +5% di richieste rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Seppure rappresentino ancora una quota minoritaria, aumenta anche l’attenzione nei confronti di vetture usate ecologiche e orientate ai bassi consumi, con una crescita delle richieste del +24%. Questo nonostante il prezzo medio per le vetture ibride ed elettriche usate in vendita sia aumentato del +7,3%, raggiungendo € 21mila.

Sul fronte dei modelli più richiesti vince in assoluto la Volkswagen Golf, ma se si prendono in considerazione solo le vetture più ecologiche ibride ed elettriche al primo posto troviamo la Toyota Auris. 

Qual è l’età media delle vetture proposte?

L’età media è aumentata leggermente passando dai 7,2 del I sem. 2017 ai 7,5 anni nel I sem. 2018, un segno evidente che sono tanti gli italiani che pianificano la sostituzione della propria vettura per necessità più che per “sfizio” e voglia di cambiare. 

“Con l’Osservatorio di AutoScout24 abbiamo voluto creare uno strumento che permettesse di individuare i principali trend che riguardano il mondo delle auto usate – afferma Tommaso Menegazzo, Responsabile del Centro Studi di AutoScout24 –. L’aumento dei passaggi di proprietà è sicuramente un indicatore di ripresa, ma non bisogna trascurare l’età media delle auto in vendita che continua a crescere.

Un altro dato interessante è quello relativo alle auto green, che evidenzia una maggiore attenzione degli italiani ai consumi e all’impatto ambientale, ma la strada da percorrere è ancora tanta dato che rappresentano al momento una quota ridotta sul parco auto totale. Per quanto riguarda il diesel, in Italia gli effetti del dieselgate e delle campagne di stampa si cominciano a vedere solo nell’ultimissimo periodo, in ritardo rispetto ad altri Paesi d’Europa in cui le politiche industriali dei gruppi automobilistici e delle istituzioni stanno profondamente influenzando le scelte di chi cerca una vettura nuova o usata.”

[1] Dall’analisi dei dati ACI sui passaggi di proprietà relativi al I semestre 2018 non sono presenti quelli relativi alle province della Sardegna






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *