Auto, arrivano le buone regole del car sharing


Auto, arrivano le buone regole del car sharing

Per quanto riguarda il mondo delle auto e delle auto condivise, è stato firmato ieri a Roma, nell’ambito della Presentazione del 17° Rapporto ANIASA, un accordo sulle “Buone regole del car sharing” tra Unione Nazionale Consumatori e ANIASA – Associazione Nazionale Industria dell’Autonoleggio e Servizi Automobilistici. Si tratta di un vero e proprio manifesto dei diritti e dei doveri del consumatore e delle società che offrono servizi di car sharing, che va ad affiancarsi alla simile intesa sottoscritta lo scorso anno dalle maggiori imprese che operano nel settore del noleggio a breve termine.

Del progetto fa parte anche una guida più divulgativa da rivolgere specificamente ai consumatori e che sarà disponibile da settembre in vari formati e sulle app dei principali operatori.

Auto, crescita esponenziale del car sharing

Nel 2017, secondo gli ultimi dati ANIASA, le attività di car sharing hanno registrato una crescita rilevante del numero di clienti. L’aumento ha riguardato sia il numero di iscritti ai servizi offerti dai singoli operatori (1.300.000, +21% vs 2016), sia gli utenti realmente attivi (820.000 con almeno 1 noleggio negli ultimi 6 mesi), che sono saliti del 38% rispetto al 2016. Milano e Roma si confermano le città in cui l’auto condivisa è maggiormente diffusa, rispettivamente, con 3.100 e 2.100 vetture in flotta, seguite a ruota da Torino e Firenze.

Massimiliano Dona, Presidente dell’Unione Nazionale consumatori

“Lo sviluppo dei servizi di condivisione rappresenta per i consumatori una straordinaria opportunità
per rendere più efficiente la mobilità urbana e dare un contributo anche al benessere ambientale
delle grandi città -afferma Massimiliano Dona, Presidente dell’Unione Nazionale consumatori che
aggiunge: “si tratta di servizi che vanno conosciuti a fondo nelle loro dinamiche che seppur
semplificate grazie alla tecnologia richiedono la collaborazione dell’utente. E’ fondamentale, infatti,
avvicinarsi ai servizi di condivisione in modo maturo e cioè consapevole dei propri diritti ma anche
impegnandosi ad una gestione responsabile del mezzo di trasporto che ci è affidato per pochi
minuti e che poi sarà nelle mani di un altro consumatore. Ecco perché, proprio in forza della
necessità di assicurare la collaborazione dell’utente, l’Unione Nazionale Consumatori ha elaborato in
collaborazione con Aniasa le linee guida per una ottimale gestione dei servizi di car sharing.”




Gianni Martino, Consigliere ANIASA

“Ogni giorno” – evidenzia Gianni Martino, Consigliere ANIASA – “per le ragioni più diverse sono oltre
19.000 gli italiani che utilizzano i servizi del car sharing sulle strade delle nostre città. Questo
accordo costituisce un ulteriore, concreto passo verso un più trasparente, consapevole e
responsabile rapporto tra operatori e utilizzatori di auto in condivisione. Fornisce indicazioni
preziose per il loro corretto utilizzo e costituisce un’ulteriore garanzia per i consumatori,
indicandone i doveri e chiarendone i diritti”.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*