Gli italiani non rinunciano all'auto per gli spostamenti. L' Auto è uno status symbol

Gli italiani non rinunciano all’auto per gli spostamenti. L’ Auto è uno status symbol

Mobilità, gli italiani non rinunciano all’auto per gli spostamenti. Solo il 10,7% sceglie i mezzi pubblici e il 3% la bicicletta. Stile ed estetica fattore determinante nella scelta, più del risparmio, e l’auto è sempre più “status symbol”. In occasione dell’Automotive Dealer Day, Compass presenta l’Osservatorio

Mobilità, gli italiani non rinunciano all’auto per gli spostamenti. Solo il 10,7% sceglie i mezzi pubblici e il 3% la bicicletta. Stile ed estetica fattore determinante nella scelta, più del risparmio, e l’auto è sempre più “status symbol”. In occasione dell’Automotive Dealer Day, Compass presenta l’Osservatorio che indaga le abitudini sul fronte della mobilità. Nel 2017 aumentano i finanziamenti erogati (+10,2% sul 2016) per l’acquisto di auto e moto. Buone le prospettive sulle vendite nei prossimi 12 mesi 

Il rapporto degli italiani con le quattro ruote è in forte “movimento”, ma pur cambiando le abitudini e il contesto sociale resta sempre il mezzo preferito per gli spostamenti (dal 66%)[1].  Solo in pochi scelgono i mezzi pubblici (10,7%) o preferiscono andare a piedi (17,1%), e ancora meno la bici (3%). Un dato importante se si considera che la popolazione italiana è “mobile”, con l’84% che si sposta quotidianamente e che il tempo medio di mobilità giornaliero è di circa un’ora.

Sono 28,8 i chilometri che gli italiani percorrono di media al giorno

A questo si aggiunge la distanza percorsa, pari a ben 28,8 km nell’arco di una giornata. Come scelgono gli italiani l’auto? Secondo oltre quattro convenzionati su dieci (41%), gli acquirenti guardano principalmente allo stile e all’estetica e, solo in un secondo momento, al risparmio o al brand. Ad ogni modo, l’auto non è solo un mezzo di trasporto ma un vero e proprio “status symbol” e continuerà ad esserlo in futuro secondo il 60% dei convenzionati intervistati, perché è il modo più immediato per comunicare il proprio stato sociale.

Sono questi alcuni dati emersi dall’Osservatorio Compass sui venditori convenzionati e sui consumatori divulgato in occasione della partecipazione all’Automotive Dealer Day, evento di riferimento per gli operatori che si tiene a Verona dal 15 al 17 maggio 2018.

Un settore, quello dell’automotive, che continua a vivere un momento favorevole. Lo confermano sia il trend di crescita delle vendite di autovetture e di motocicli, sia l’incremento nel 2017 del volume dei finanziamenti erogati per l’acquisto di auto e moto, aumentati del +10,2% sul 2016 e del +33,9% sul 2015, superando € 15,5 miliardi. Un dato che rappresenta ben l’82% dell’erogato complessivo tramite convenzionati e un terzo delle operazioni finanziate. Nei primi mesi del 2018 il comparto registra una moderata crescita, consolidando i risultati dell’anno precedente.

L’automobile, ruolo chiave nei finanziamenti

Rispetto ad altri comparti, il credito al consumo nel mondo della mobilità assume un ruolo chiave,
poiché l’acquisto di un’auto o di una moto richiede spesso da parte delle famiglie una disponibilità
economica elevata. La media degli importi finanziati tramite venditori convenzionati è, infatti, di
13.048 euro per l’auto – pari a 13.787€ per l’auto nuova e 10.884€ per l’auto usata – e di 4.186euro per
le moto.

Quali sono le previsioni per i prossimi mesi? Secondo l’Osservatorio Compass, entro la fine dell’anno
quasi due italiani su dieci hanno in programma l’acquisto di un’auto o di una moto mentre nei
prossimi 12 mesi il contesto macroeconomico continuerà ad essere positivo per molti convenzionati,
con effetti diretti sulle vendite, indicate in aumento dal 42%.

Guardando invece alle principali innovazioni tecnologiche che definiranno l’automobile del futuro, per oltre quattro convenzionati su dieci non possono mancare la completa connessione con diversi device tecnologici e, con la stessa percentuale, la sicurezza attraverso sistemi automatizzati che devono avere la priorità sui comandi umani nelle situazioni di emergenza. Il 39% immagina, invece, un veicolo più autonomo solo in determinate situazioni, come nei parcheggi.

Infine l’Osservatorio Compass ha posto l’attenzione sui servizi di noleggio a lungo termine a privati e di sharing mobility, scoprendo che il 62% dei convenzionati promuove decisamente il primo, mentre guardano con sospetto alla sharing mobility: solo il 24% degli intervistati ritiene che possa avere risvolti importanti nel comparto auto.

[1] Fonte: Elaborazioni interne su dati ISFORT, indagine pubblicata ad aprile 2017 su dati 2016






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *