Guida sicura: le abitudini di guida a rischio


Guida sicura: le abitudini di guida a rischio

Tra le peggiori abitudini che si sono diffuse negli ultimi anni tra i guidatori c’è senza dubbio quella di guardare lo schermo del proprio cellulare, distogliendo lo sguardo dalla strada e dai pericoli che possono affacciarsi in qualsiasi momento. Il boom degli smartphone, dei social network e delle app di messaggistica istantanea gratuite portate dalla rivoluzione digitale degli anni 2000, hanno reso il cellulare uno strumento indispensabile e a cui si ricorre in maniera sempre più smodata.

Guida sicura, le distrazioni che causano incidenti

Quando ci si trova al volante però, sarebbe il caso di riporre il proprio cellulare dall’inizio alla fine del tragitto, evitando inutili distrazioni che possono risultare pericolose causando incidenti invalidanti e, in molti casi, anche mortali. Questa diffusione sempre più larga di utilizzo del cellulare alla guida ha portato l’apparato legislativo ad analizzare la situazione. L’obiettivo è di migliorare le condizioni di sicurezza sulle strade italiane, specialmente dopo aver scoperto tramite alcune indagini della polizia stradale e dell’Ania (Associazione nazionale tra le imprese assicuratrici) che circa il 20% degli incidenti stradali avvenuti nell’ultimo anno è causata proprio dall’utilizzo dello smartphone durante la guida. I dati sono ancora più preoccupanti perché, a quanto pare, la tendenza aumenta giorno dopo giorno, creando sempre più problemi ad
automobilisti, persone coinvolte nei sinistri e, ovviamente, anche alle imprese assicuratrici.

I sondaggi Doxa

L’ente per i sondaggi Doxa ha realizzato un’indagine per approfondire il fenomeno legato all’uso
dello smartphone e alla sua sempre maggiore presenza nella vita quotidiana. Dall’indagine è emersa
la tendenza preoccupante e sempre più abitudinaria degli automobilisti della penisola. Il 38% degli
intervistati infatti ammette di guardare il telefono mentre sta guidando. Dando un’occhiata ai
dettagli, viene smentita la credenza che le donne siano le più distratte al volante. E’ infatti il 44%
degli uomini
ad aver ammesso di cedere più facilmente alla tentazione di guardare il cellulare,
contro solo il 31% del gentil sesso.

I tutori della legge hanno pensato bene infatti di inasprire sempre di più le pene per chiunque venga beccato colto in flagrante con un dispositivo elettronico in mano alla guida. Le perizie relative agli incidenti e ai potenziali sinistri, con i numeri che emergono, rendono ancora di più l’idea della pericolosità rappresentata dal distogliere lo sguardo dalla strada per chattare, rispondere ad email, inviare messaggi o semplicemente scorrere la bacheca di uno dei tanti social network in circolazione (es. Facebook, Twitter e Instagram). Non stiamo parlando di tempi di reazione molto estesi, ma considerando la velocità di un automobile è richiesta concentrazione massima per recepire immediatamente i segnali stradali, tenere sotto controllo gli spostamenti delle altre vetture e l’even
tuale attraversamento di pedoni.




2 secondi per leggere un messaggio

E’ stato calcolato che per leggere un messaggio servono circa 2 secondi, equivalenti ad una
percorrenza media di trenta metri sulla strada. Sembrano distanze innocue ma con una più attenta
analisi si capisce quanto in realtà ci si trovi di fronte ad un pericolo serissimo. Rispondere ad un
messaggio è anora più pericoloso: sono richiesti circa 10 secondi, che equivalgono a ben 300 metri
di percorso senza guardare la strada.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*