Motodays 2018: benino ma occorre fare di più

Termina la decima edizione del Motodays, fiera che ha saputo ritagliarsi una presenza importante sul piano nazionale salvo, poi, vivere una fase di appannamento, specie l’anno scorso.

Come è andata? Partiamo da ciò che attende un giornalista appena giunge agli ingressi. Si inizia con una bella fila per ritirare il pass; addirittura se si ha voglia di recarsi più volte in giorni diversi, il tagliando ritirato precedentemente non ha vigore. A quando un bel pass virtuale da mostrare all’ingresso, magari tramite il proprio cellulare?

Quest’anno ho scelto di recarmi di sabato, per constatare l’affluenza; bene, la passione nel centro e nel sud Italia è davvero molta e calorosa.

Rispetto alla passata edizione, si è notata la volontà degli organizzatori di migliorare la qualità nel suo insieme ma, a mio parere, siamo ancora lontani non solo dagli standard raggiunti dall’Eicma, ma anche di quelli che dovrebbe avere una fiera che può e deve essere il punto di riferimento del centro e sud Italia.

Moto Guzzi a Aprilia sono state presenti solo per i Riding Experience, mentre totalmente assenti sono state la Ducati e la Kawasaki. Sono curioso di sapere come mai queste case hanno snobbato la fiera romana e non hanno neanche chiesto ad una concessionaria di essere presenti. Non voglio credere, poi, che agli assenti non interessi il mercato di chi vive al di sotto del Lazio.

Molti delle mie parti, vuoi per la lontananza o per i costi, non possono permettersi di far visita all’Eicma di Milano; ecco perché il Motodays diventa per loro una tappa imperdibile.

Ho apprezzato alcune delle realizzazioni esposte dagli “artigiani” del settore; la loro bellezza e cura è andata oltre il semplice concetto di moto.

Ho trovato provinciale lo stand dedicato alla vendita di auto in “occasione”; in alcuni parcheggi di grossi dealer ho trovato di meglio.

Indecenti sono state le lunghe e snervanti file per acquistare, a prezzi da ostriche e champagne, degli insaporiti panini (cotti su piastre dove il grasso non solo era di casa, ma era in festa…) e bicchieri di roba frizzante che venivano chiamati, a seconda del colore, birra o cola. Il tutto rigorosamente in piedi o seduti su panche leggermente zozze.

Nella migliore delle ipotesi per una pepsi ed un coso dalle sembianze di panino con hamburger, si spendevano 10 euro; ma dai, cosa vuoi che siano 10 euro? Chiedetelo ad un normale padre di famiglia che tra costo dei biglietti e del pranzo, deve sborsare quasi tre giorni di lavoro.

Questi, secondo me, sono aspetti da considerare, perché non si può vendere il piombo per oro.

Anche se per visitare tutta la fiera ci sono volute due ore, il giudizio finale volge al quasi sufficiente, con alcune riserve. Le critiche che muovo in questa sede spero diventino dei punti di riflessioni per migliorare una fiera che ha delle potenzialità enormi.

Non serve, a mio avviso, scimmiottare l’Eicma. Occorre, invece, coinvolgere ancora di più gli operatori dell’aftermarket e della customizzazione. Tra abbigliamento tecnico, accessori e creazioni uniche, il Motodays diventerebbe, così, un punto di incontro imperdibile degli appassionati e di chi lavora nel mondo delle moto. Non si vive di sole case ufficiali, anzi…

Un commento, infine, su quello che ho visto fuori dalla Fiera, quindi non riconducibile agli organizzatori del Motodays. Tra rifiuti (la colpa va in primis a chi utilizza le strade come pattumiere) e erbacce, i parcheggi mi sono sembrati semplicemente indecenti per una nazione civile. A furia di tagliare i fondi ai comuni, non sono rimaste che buche e monnezza; problematiche che riguardano non solo la capitale, solo che lì c’è la Raggi, quindi…ma questa è un’altra storia.






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *