Royal Enfield Himalayan: le sensazioni di guida durante la nostra prova

Royal Enfield Himalayan: le sensazioni di guida durante la nostra prova

E’ finalmente arrivata nelle concessionarie ufficiali la Himalayan, la novità più attesa della Royal Enfield. Una moto che si presenta con molte interessanti frecce nel suo arco, che vanno dal prezzo alle qualità dinamiche.

Introduzione

E’ finalmente arrivata nelle concessionarie ufficiali la della Royal Enfield Himalayan la novità più attesa dello storico marchio. Una moto che si presenta con molte interessanti frecce nel suo arco, che vanno dal prezzo (euro 4.590 f.c.) alle qualità dinamiche.
Grazie alla Topo Moto, concessionario ufficiale Royal Enfield Napoli dello storico marchio nato a Redditch, abbiamo testato la Himalayan in quello che è uno dei suoi territori di caccia preferiti, ossia il fastidioso e caotico traffico cittadino.

Royal Enfield Himalayan le nostre impressioni sul motore

Il motore della Royal Enfield Himalayan è un monocilindrico a corsa lunga di 411 cc., raffreddato ad aria e olio e a iniezione elettronica. La potenza è di 24,5 Cv a 6.500 giri, mentre la coppia è di 32 Nm a 4.000 giri; rispetta la normativa Euro 4.
Il telaio è una doppia culla in tubi di acciaio dalla lunga escursione. All’avantreno lavora una forcella che presenta ben 200 mm di escursione, mentre al retrotreno c’è, a differenza delle altre Royal Enfield in commercio, un mono ammortizzatore con leveraggi di tipo progressivo con escursione di 180 mm.. Il serbatoio è in metallo ed ha una capienza di 15 litri; i bassi consumi consentono un’autonomia di oltre 400 chilometri.

La strumentazione, elegante e chiara nella lettura, presenta, oltre al tachimetro e ad un piccolo contagiri, anche una bussola; offre, inoltre, la possibilità di conoscere la temperatura dell’ambiente, la quantità di benzina, la marcia inserita, il tempo di viaggio e gli intervalli di manutenzione.
Gli pneumatici della Royal Enfield Himalayan sono forniti dalla Pirelli ed hanno ruote dal diametro di 21’’ all’anteriore e 17’’ al posteriore.
L’ergonomia, grazie all’altezza della sella (morbida) di 800 mm e alla giusta geometria tra manubrio e pedane, è davvero ottima. Gli spazi a disposizione del passeggero gli consentono un’abilità più che buona.

Erogazione fluida e senza strappi

L’erogazione del motore è fluida, senza strappi; quasi assenti le vibrazioni. Vigoroso ai bassi regimi, consente di superare le auto in colonna senza dover tirare il collo alle marce o usare i rapporti più corti.
La sana ciclistica e la taratura delle sospensioni regalano all’Himalayan la giusta reattività molto utile nei ridotti spazi di manovra cittadini.
L’impianto frenante è più che dimensionato alle prestazioni del veicolo.

Chi conosce Napoli, sa che affrontare le strade del quartiere Vomero nell’ora che precede la pausa pranzo, significa avere a che fare con muri di auto dall’andatura di una lumaca. La Himalayan consente di svincolarsi con disarmante facilità ed alle volte sembra di guidare uno scooter per come sfila tra le colonne d’auto e per i ridotti ingombri laterali.
La sella e le sospensioni permettono di affrontare i crateri e le buche tipiche delle strade di città, senza correre rischi di perdita di controllo del mezzo.

Se, poi, si ha voglia di divertirsi, la stabilità è a prova di asfalto liscio.

La Himalayan, quindi, è un buon prodotto, ideale sia per i neopatentati sia per chi è alla ricerca di una moto tuttofare che non richiede la stipula di un mutuo per pagarla. L’elevata possibilità di accessoriarla, poi, la rendono adatta anche a chi vuole una due ruote da portare in cima al mondo, magari proprio laddove la novità di casa Royal Enfield prende il nome.
Nel frattempo a Napoli, al Corso Vittorio Emanuele n° 177, è possibile prenotare un test ride per vivere in prima persona i suoi pregi.






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *