Briganti: il casco


Briganti: il casco

Alla Mototecnica Isaia di Napoli la sicurezza in moto si abbina alla moda mentre si fonde con la storia. Grazie, infatti, al casco “Briganti”, è possibile avere un capo tecnico sicuro, bello da vedere che testimonia il passato glorioso delle terre meridionali.

 

Mario De Crescenzio ci svela come è nata l’idea di questo interessante casco: “Nonostante – sottolinea – per più di 700 anni il Sud sia stato un’unica nazione con un percorso storico invidiabile, da 150 anni questo ci viene negato. Questo passato dovrebbe farci inorgoglire ed invece ci viene fatto pesare ed è un qualcosa che ci hanno tolto con la nascita di questa Italia. Sono fiero della mia terra e di ciò che è stata, così mentre vedevo tanti caschi con la bandiera italiana, mi è venuto in mente che è l’ora di scoprire le nostre radici e la nostra identità anche mentre si indossa un casco. Intuizione che ha avuto l’avallo anche dell’associazione <Briganti>, che ha come scopi il ripristino della verità storica di quella che è stata davvero l’unità d’Italia, e mettere in risalto le eccellenze meridionali”.

Il termine brigante viene associato ad un qualcosa di negativo, invece: “I Briganti –spiega il manager della Mototecnica Isaiali hanno fatto passare per dei banditi e degli straccioni; in realtà erano i partigiani della loro terra, che una volta resosi conto delle illusioni e delle promesse fatte dallo stato italiano, si sono ribellati. Hanno fatto una guerra che è durata più di 10 anni, dove sono morte centinaia di migliaia di morti. Si chiamano briganti ma in realtà, ripeto, sono stati i primi partigiani della nostra terra. Il casco serve anche per ristabilire un qualcosa che ci appartiene e che ci è stato negato con l’unità d’Italia e con la narrazione di una storia falsa. Questo mi rende doppiamente fiero sia per la mia identità sia per l’aver realizzato un capo tecnico che esalta i valori del Sud”.






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*