Eicma: Benelli Leoncino Cinquecento

Il Leoncino, omaggio a un mito del motociclismo italiano che ha fatto la storia di Benelli, è mosso da un bicilindrico frontemarcia quattro tempi, raffreddato a liquido, da 500 cc con una potenza di 47 cavalli (35 kW) a 8.500 giri e una coppia di 46 Nm a 6.000 giri.
La distribuzione è a doppio albero a camme in testa, 4 valvole per cilindro, il cambio ha 6 velocità.
Il reparto sospensioni è affidato a una forcella upside-down con steli del diametro di 50mm, mentre al posteriore lavora un forcellone oscillante con monoammortizzatore laterale.

Per quanto riguarda i freni, davanti è montato un doppio disco di 320 millimetri di diametro, con pinze radiali a quattro pistoncini; dietro un disco di 260mm di diametro e una pinza a doppio pistoncino. Di serie l’ABS, i cerchi in lega di alluminio sono da 17”. Il Leone, simbolo della storia centenaria di Benelli, svetta sul parafango anteriore; il proiettore, rotondo, come vuole la tradizione, è a LED. Disponibile nelle colorazioni Rosso, Argento e Nero. Benelli sarà presente a EICMA 2017 al padiglione 22, stand E48 e G28.

Gli incidenti nelle grandi città, conseguenza del grande traffico

Gli incidenti stradali sono un’eventualità sempre presente nelle città, soprattutto in quelle di notevoli dimensioni e particolarmente trafficate (https://www.istat.it/it/archivio/incidenti). Le conseguenze di un tamponamento possono essere più o meno gravi, tuttavia non sono mai piacevoli per il proprietario dell’automobile. Infatti bisogna affrontare tutta una serie di riparazioni che possono coprire un range e una prezzistica molto ampie. Al tempo stesso può accedere che la vettura sia irrimediabilmente rovinata in quanto ha subito gravi danni strutturali. In questo caso la decisione di effettuare le riparazioni può risultare antieconomica e quindi è necessario che valuti bene come procedere. In genere le due opzioni che si considerano sono una riparazione oppure la demolizione dell’automobile, tuttavia
è possibile vendere il veicolo incidentato. Si tratta di una soluzione intermedia alternativa, che può offrire vari vantaggi ed è disponibile soprattutto nelle grandi città. Ad esempio i compro auto incidentate Milano sono molto numerosi e possono proporre alla clientela servizi aggiuntivi di notevole valore compresi nel prezzo.

I compro auto incidentate

I compro auto incidentate Milano e quelli delle grandi città sono spesso collegati ad autodemolizioni oppure a rivendite di veicoli usati. Nel primo caso spesso le vetture vengono demolite, nel secondo è la stessa azienda a farsi carico delle riparazioni per rivenderle successivamente ai privati. Qualunque sia la soluzione scelta, prima di affidarsi a un compro auto incidentate è bene confrontare le varie realtà aziendali operanti nella propria città, così da poter valutare in maniera intelligente le varie offerte e il rapporto qualità/prezzo delle soluzioni proposte. In secondo luogo è fondamentale accertarsi che la ditta sia abilitata e certificata a operare nel settore. Inoltre si devono prendere in considerazione solo i compro auto incidentate con una buona esperienza nel settore
e che risultino essere seri e molto affidabili.

Perché rivolgersi a un compro auto incidentate

Rivolgersi a un’azienda che propone un servizio di acquisto e ritiro auto incidentate consente di ottenere un alto numero di vantaggi. Innanzitutto gran parte dei compro auto incidentate Milano assicura il ritiro del veicolo a domicilio con un carro attrezzi: in questo modo l’intera procedura risulta essere più facile, veloce e conveniente per il cliente. Inoltre questa soluzione è davvero vantaggiosa quando l’automobile incidentata è nuova oppure con al massimo un paio d’anni di vita. Di conseguenza è possibile vendere il mezzo ottenendo un modesto guadagno e si evita di spendere per il servizio di demolizione nel caso in cui il veicolo sia stato danneggiato gravemente a livello strutturale. In questo caso il compro auto incidentate smantella i pezzi recuperabili da rivendere come ricambi usati e destina la vettura alla demolizione. L’operazione, le
spese e le responsabilità, comunque, non sono più a carico del precedente proprietario. Infatti basta il passaggio di proprietà e la consegna di tutta la documentazione per assicurare il buon esito della transazione.