La Due Giorni del Conero


La stagione itinerante del club CAEM-Lodovico Scarfiotti terminerà con la Due Giorni del Conero, in calendario per sabato 30 settembre e domenica 1 ottobre

Il ricco programma organizzativo 2017 del Circolo Automotoveicoli d’Epoca Marchigiano si concluderà attraverso i paesaggi e le tradizioni della Riviera del Conero, La prossima 22^ edizione della “Due Giorni del Conero”, raduno a carattere turistico-culturale per vetture omologate ASI, è in calendario per sabato 30 settembre e domenica 1 ottobre, e prevede l’arrivo di circa 50 equipaggi.

La prima giornata vedrà l’avvio dall’Hotel Giardino di Numana, dov’è stato fissato il ritrovo dei partecipanti, che alle ore 16 si avvieranno per la “Strada del Rosso Conero”, itinerario che associa montagna e mare tra luoghi ideali per la coltivazione delle uve rosse che danno vita al celebre ed apprezzato vino. Lungo il suggestivo percorso ci sarà la sosta presso le Cantine Moroder in località Montacuto per una visita e la degustazione di specialità locali. In serata si farà ritorno a Numana per la cena.

Domenica 1 ottobre da Numana la carovana si sposterà a Montecosaro, uno dei “Borghi più belli d’Italia”, dov’è prevista la visita al centro storico per le viuzze suggestive, al Teatro delle Logge di inizio ‘800 che si affaccia sulla centrale Piazza Trieste ed al Museo del Cinema a Pennello di Palazzo Marinozzi, una singolare ed interessante raccolta di originali e di memorabilia sulla storia del cinema.

Per il pranzo di fine manifestazione si farà rotta verso Sirolo, l’altra cittadina perla del medio adriatico, che assieme a Numana viene universalmente associata al Monte Conero, al Parco Naturale e alle splendide spiagge che sono meta estiva per il turismo di qualità. A Sirolo ci sarà il saluto finale per tutti gli equipaggi presenti.

La manifestazione si avvale del supporto di GM Meccanica, Tecnostampa, Ca.Bi. Gomme, Hotel Giardino Numana, Moroder e Villa Clelia Sirolo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*