Prevenire il furto della moto: i consigli della You Biker


Prevenire il furto della moto: i consigli della You Biker

Il dato sui furti di moto, purtroppo, è in continua crescita: dalle 38.783 moto rubate del 2010, siamo passati alle 42.529 due ruote del 2013. Inoltre le città più pericolose, sono Roma, Milano e Napoli, che insieme rappresentano quasi la metà dei furti nazionali. Insomma se si ama la moto, occorre difendersi da vuole sottrarcela.

Antonella Rea della You Biker di Napoli, ci offre una serie di consigli in merito: “Ogni giorno – spiega la store manager – circa 150 veicoli vengono sottratti indebitamente ai loro legittimi proprietari. Il fenomeno è in crescita ma per fortuna sul mercato ci sono degli antifurti in grado di rendere molto difficile la vita ai ladri. Una cosa va detta, a scanso di equivoci; non c’è sistema di difesa che non sia apribile. E’ tutta una questione di tempo; un buon antifurto, magari in ausilio con altri dispositivi, si vede proprio dalla capacità di resistere il più a lungo possibile dagli attacchi dei malintenzionati. Questo aspetto è ammesso stesso da chi è stato, poi, acciuffato dalle forze dell’ordine”.

Allora che tipo di antifurto utilizzare?: “Sembrerà strano – sottolinea Rea – ma i classici antifurti meccanici sono ancora i più efficaci. Il bloccadisco va bene se bisogna effettuare una breve sosta; va utilizzato anche quando si lascia la moto nel garage! La catena è l’ausilio che offre la maggiore sicurezza, perché permette di fissare la moto ad un posto. L’arco è un ottimo deterrente ed ha il vantaggio che, insieme al bloccadisco, è facilmente portabile. Come detto, un buon antifurto è quello che richiede più tempo per aprirlo; di fronte ad uno di qualità, il ladro si scoraggia e preferisce guardare altrove”.

Alla You Biker di Via Scarfoglio 4/a è possibile scegliere tra vari modelli di antifurto: “Come store – dice Antonella – offriamo una vasta gamma dei migliori antifurto presenti sul mercato. La qualità ha, certo, il suo costo; nella scelta tra un antifurto che si apre con un semplice martello ed uno che fa sudare le canoniche sette camicie, credo che chi ha a cuore la propria moto, sceglierà la seconda opzione”.






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*