La domenica di un centauro tra corsi e ricorsi storici…





Così come nella storia, anche nella vita di un motociclista, accadono i corsi e ricorsi storici. Nel mio caso, in settimana ho riacquistato una Cagiva Raptor. A dire il vero, il ricorso in questo caso è a metà, perché in passato (nel 2000 e nel 2004) ho avuto la 1000.

Questa occasione è la volta del modello di 650 cc.. Uno sfizio costato poco, che abbina il fascino dello stile italiano all’affidabilità giapponese, il tutto condensato in un bel traliccio. Ammetto che quando l’ho ritirata martedì, non vedevo l’ora di scoprire il suo carattere tra le curve della costiera.

Arriva il sabato e…..piove! Non riporto le imprecazioni che ho pronunciato. Domenica e…..sole!!! Come un bimbo davanti ad una strenna natalizia, mi sono emozionato e quando l’ho cacciata dal garage ho esclamato “Evviva!”.

Piccola sosta dal benzinaio, e pronti via, direzione Positano! La Raptor è una moto che non ha avuto, secondo me, il successo che meritava. La trovo una due ruote che abbina le linee sportive agli stilemi d’eleganza tipicamente italici. Ben dotata tecnicamente, nella versione 650 ha la giusta cavalleria per divertirsi su strada; sotto questo aspetto la 1000 era troppo esagerata….




Arrivo a Castellammare, ingresso in galleria, lungo curvone a destra e….mi viene in mente quando a 26 anni pensai come si sarebbe comportata tra le curve questa strana creatura disegnata da Miguel Galluzzi. Arrivo sul lungomare che porta a Vico Equense, ed apprezzo la capacità di allungo del bicilindrico Made in Hamamatsu. Il tempo di fermarmi per un caffè a Meta di Sorrento che subito la visiera del mio casco si riabbassa per ritornare in sella. Finalmente arrivo in costiera, la divina costiera…..

La prima volta che sono entrato in questo stargate paradisiaco ero alla guida di una Yamaha Virago ed avevo 16 anni…lunedì 6 marzo ne compirò 43, fate voi i calcoli. Ed ecco un altro ricorso: la Raptor è una moto che ama danzare. Paragonata alle moto moderne non è proprio “magra”, ma l’equilibrio ciclistico permette di aggredire le curve senza particolare impegno fisico. Le uniche cose alle quali bisogna prestare attenzione sono la qualità dell’asfalto, il traffico e la piccola tendenza ad allargare la traiettoria quando si accelera.

L’uscita di curva….la 1000 era imbarazzante perché aveva l’attitudine ad impennare ad ogni smanettata. La 650, invece, senza alcun ausilio elettronico, ti tira fuori dalle curve rapidamente, senza scomporsi affatto. Insomma questa Cagiva ti permette di divertirti in sicurezza, senza sfigurare nei confronti con le moto di oggi. Arrivo al mitico International Bar di Positano.

Questo locale, insieme al Bar del Sole, è una sorta di pietra miliare della costiera amalfitana. Mi siedo e mi godo il panorama…Positano, pregiata perla della mia terra, ricorda molto un presepe circondato dal mare. Una bellezza che non stanca mai, anzi…..quando hai modo di ammirarla ti senti una forza che ti ricarica, che concilia l’anima con il mondo.

I problemi di lavoro, quelli con la morosa, le scadenze che ti tolgono il sonno, le ansie create da una società che ha trasformato l’uomo in un codice iban utile solo per pagare le tasse, indegno di una pensione e di un’assistenza sanitaria, improvvisamente fanno spazio all’amore ed al piacere.

Sono consapevole d’essere un uomo fortunato e privilegiato, in quanto, seppur tra mille difficoltà, dalla vita ho avuto ed ho quasi tutto ciò che desidero, ma è pur vero che sono un uomo, con tutte le sue debolezze.

Credetemi le curve della costiera sono davvero entusiasmanti…Ogni volta che lo sguardo si poggia su un angolo di questo luogo del mondo, si ha modo di ammirare cosa sarà un domani, possibilmente il più lontano possibile, la dimensione che ci aspetta. Esagero? Fatevi una passeggiata in moto, poi ne parliamo…..

Ristoratomi specie con il cibo dell’anima, ritorno nella mia dimora nel quartiere Ponticelli di Napoli. Il rientro lo vivo in una sorta di trans motociclistico, dove i ricordi di ventenne si mescolano con le emozioni del momento.

Nella mia mente si sono susseguite in rapida successione tante sensazioni…..l’abbraccio di quella ragazza che ti piaceva, la tirata con quell’amico, il calore di una serata estiva, l’esame universitario. Immagini che porterò sempre nel cuore.

Ora mi direte qual è il senso di questo articolo? Non ne ha, anzi è solo un racconto di un’uscita domenicale. Sono felice e mi piace condividere questa felicità con voi.

Come avete capito inizio ad essere grandicello. Ancora oggi, però, quando vado in moto “vivo” e tutto quello che accade tra il prima e il dopo è solo attesa.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*