DRE Enduro, gran successo anche in Cina

Il DRE Enduro è approdato anche in Cina. A pochi giorni dall’arrivo sul mercato cinese della Multistrada 1200 Enduro,  la scuola di guida a cinque stelle della Ducati ha voluto proporre i primi tre corsi di guida off-road anche agli appassionati motociclisti cinesi.
La location scelta per l’edizione cinese del DRE Enduro è stata la città di Dunhuang, nel Deserto del Gobi: una suggestiva oasi, situata nel centro-nord della Cina che ha accolto 50 allievi.
Come a Nipozzano, in Toscana, sede europea del DRE Enduro, anche in Cina il corso di guida in fuoristrada ha avuto un’ambientazione unica: con ostacoli artificiali per gli esercizi di slalom; curve in sequenza; prove di guida in salita e discesa; frenata d’emergenza; asse d’equilibrio; tòle ondulée e la prova detta della bilancia. Inoltre, durante il DRE Enduro cinese è stato realizzato un percorso nel deserto di 16 chilometri, dove gli allievi hanno potuto mettere in pratica gli insegnamenti ricevuti nella prima parte del corso. Merito del direttore tecnico del DRE Enduro Beppe Gualini, ex-dakariano di grande esperienza, e del capo istruttori del corso Andrea Rossi.
Il DRE Enduro anche in Cina ha offerto agli allievi la possibilità di visitare luoghi unici in un’atmosfera esclusiva e organizzata nei minimi dettagli. Come il sito archeologico di Mogao Caves, fatto di grotte scavate nella roccia nel 400 DC. La seconda giornata è stata invece una full immersion nella pratica, e gli allievi hanno guidato la moto in mezzo a scenari di rara bellezza.
Con l’edizione cinese del DRE Enduro si è chiusa la stagione 2016 della prestigiosa scuola di guida della Casa di Borgo Panigale. Visto il successo di questa stagione, sono già iniziati i preparativi per il secondo anno di corsi. È stato confermato l’impegno in Cina, mentre per le tappe italiane di Nipozzano sono già previste altre date e un coinvolgimento superiore sia degli allievi sia degli accompagnatori.

Ducati Globetrotter 90°, la “fiaccola” e la Multistrada 1200 Enduro rientrano in Europa

È iniziata la sesta tappa di Globetrotter 90°, il giro intorno al mondo con la Multistrada 1200 Enduro. Concluso il viaggio dal profondo sud degli Stati Uniti a New York del globetrotter australiano Steve Fraser, la “fiaccola” e la moto Ducati sono rientrati in Europa, a Lisbona, e passate nelle mani dell’inglese Hugo Wilson che arriverà fino all’Isola di Man.
Il nuovo globetrotter ha 54 anni, editore di riviste di motociclismo, ha viaggiato in moto in lungo e in largo per l’Europa e intorno al Mediterraneo. Scrittore e fotografo, Wilson si è appassionato alle due ruote all’età di 10 anni. “Quando ho visto per la prima volta la Ducati di mio cugino – racconta il globetrotter – è stato amore a prima vista! E quando ho finalmente comprato la mia prima moto era ovviamente una Rossa….una Ducati è per sempre”.
Hugo Wilson farà varie soste, una più suggestiva dell’altra. Visiterà, per esempio, Silverstone dove il mitico campione Mike Hailwood nel 1960 vinse due gare nello stesso giorno e in due classi diverse, ma sempre su una Ducati. Meta successiva del sesto globetrotter sarà la città di Donington, in UK, dove il 3 aprile 1988 si disputò la prima gara in assoluto del mondiale Superbike, vinta da Marco Lucchinelli sulla neonata 851 SBK. Destinazione ultima della sesta tappa di Globetrotter 90° sarà, infine, l’Isola di Man dove c’è stata la più bella vittoria di Mike Hailwood, quella del Tourist Trophy il 2 giugno 1978 sulla Ducati 900 SS TT IOM.
In attesa di seguire la sesta tappa di Globetrotter 90°, ecco una sintesi della precedente compiuta dall’australiano Steve Fraser.
Fraser ha percorso 4.200 chilometri e ha viaggiato per 17 giorni. Si è diretto prima a Cincinnati; poi ha attraversato le montagne del Kentucky per arrivare a Nashville, nel Tennessee, da dove ha proseguito per Birmingham, in Alabama. Quindi si è diretto in Georgia, poi in Florida e al circuito di Daytona. Per il globetrotter australiano è stata grandissima l’emozione di poter entrare sulla pista che ha visto due leggendarie vittorie Ducati: quella del 1959 con Franco Farnè in sella alla 125 Desmo VI, e quella del 1986 con Marco Lucchinelli sulla Ducati 750 F1 nella “Battle of the twins”.
A seguire, Steve Fraser ha raggiunto l’estremità più meridionale del Paese, le isole di Key West. E di nuovo verso nord, per arrivare alle montagne del Nord Carolina sfidando continui tornanti e dando sfogo alla potenza della Multistrada 1200 Enduro.  Fraser, infine, è stato in Virginia e subito dopo in New Jersey e nella cittadina di Summit. Qui, il 25 gennaio 1924, giunse un segnale radio dall’Europa. Era stato lanciato da Bologna, dal ventunenne Adriano Cavalieri Ducati che realizzò così la prima trasmissione intercontinentale a onde corte con un minuscolo apparecchio da lui costruito e a cui per valicare mezzo pianeta bastavano 100 Watt, quelli di una lampadina. Con questo doveroso omaggio a un momento che ha cambiato la storia, si sono concluse le tappe americane di Globetrotter 90°.

Il pubblico di EICMA 2016 elegge la Ducati SuperSport la “moto più bella”

È la Ducati SuperSport la moto più bella di EICMA 2016. A conclusione della 74esima edizione della rassegna milanese dedicata alla moto è stato proprio il pubblico, che per cinque giorni ha animato e affollato i padiglioni della Fiera Internazionale di Milano-Rho, a decretare la regina assoluta tra le tante moto esposte. Il risultato è frutto del sondaggio “Vota e vinci la moto più bella del Salone”, organizzato dalla rivista italiana Motociclismo. Giunto quest’anno alla dodicesima edizione, il sondaggio ha visto primeggiare Ducati per ben otto volte (aggiudicandosi consecutivamente le ultime quattro edizioni) con moto che, sin dalla loro prima apparizione in fiera, hanno segnato un nuovo riferimento nel panorama motociclistico internazionale.
Oltre 12.000 appassionati hanno espresso la loro preferenza e la SuperSport è risultata la moto più votata sia dai visitatori della Fiera sia dagli utenti del sito di “Motociclismo”. La nuova sportiva stradale Ducati ha conquistato il primo posto con un vantaggio sulla seconda classificata del 13,2% sul totale dei voti.
Lo scrutinio dei voti ricevuti è stato fatto domenica 13 novembre, giornata conclusiva del Salone, presso lo stand di “Motociclismo”, davanti a tanto pubblico e alla presenza di Caterina Tartufari, (Project Manager di EICMA), Piero Bacchetti (Presidente e AD Edisport Editoriale), Federico Aliverti, (Direttore di “Motociclismo”) e Julien Clement (Senior Designer Centro Stile Ducati e designer della SuperSport) che ha ricevuto il riconoscimento in rappresentanza della Casa motociclistica bolognese. La premiazione della “Moto più bella del Salone” è stato l’ultimo atto di un’intensa settimana di esposizione ed eventi che ha visto afflussi record tali da far prevedere un incremento del numero totale dei visitatori di EICMA, rispetto al 2015.
La Ducati SuperSport è pensata per quanti amano una moto di ispirazione sportiva, ma in grado di offrire comfort e facilità di utilizzo sulle strade di tutti i giorni. Una moto divertente, versatile, con un look e un’anima da vera sportiva Ducati. Una sportiva stradale accessibile grazie alla sua facilità di guida, alla sicurezza attiva offerta dal Ducati Safety Pack (ABS Bosch + Ducati Traction Control) e all’elevato valore del suo equipaggiamento, in rapporto al prezzo, abbinato ai lunghi intervalli di manutenzione.
La SuperSport è equipaggiata con il motore bicilindrico Testastretta 11° da 937 cm³, che eroga 113 CV e una curva di coppia piena e lineare. Grazie ai tre Riding Mode (Sport, Touring e Urban), il carattere della SuperSport si adatta per offrire il massimo divertimento in ogni condizione. Agile in città, comoda in autostrada ed efficace tra le curve dei percorsi fuoriporta, la SuperSport è decisamente una moto versatile. La posizione in sella confortevole per pilota e passeggero, la protezione aerodinamica assicurata dal plexiglass regolabile in altezza e la buona autonomia garantita dal serbatoio da 16 litri, fanno della nuova sportiva Ducati anche una divertente compagna di viaggio sui tragitti di media lunghezza.
La gamma SuperSport comprende anche la versione SuperSport S, equipaggiata di sospensioni Öhlins completamente regolabili, Ducati Quick Shift up/down e coprisella passeggero; questi ultimi contenuti sono comunque disponibili, come accessori, anche per la SuperSport.
Sin dal primo giorno di apertura il pubblico ha affollato lo stand Ducati. Sette le grandi novità presentate di cui cinque per Ducati (dalla esclusiva e ipertecnologica 1299 Superleggera, passando ai due nuovi Monster 797 e 1200, quindi la nuova Multistrada 950 e, ovviamente la SuperSport), e due per Scrambler® (il Desert Sled e la Cafè Racer). Sette nuove moto da sogno che hanno giocato un ruolo da protagoniste in questa kermesse milanese, 74esima edizione EICMA.