Il Mototurismo per Enzo Bruno

Un’avventura iniziata in Fmi nel 2000 e che lo ha visto vincere l’ex TTN ed essere oggi il Segretario degli RMT: “Insieme – racconta Bruno – ad un gruppo di amici ad inizio del nuovo millennio fondammo a Nocera Inferiore un club

Tra gli amanti del Mototurismo, Enzo Bruno del Moto Club I Pistoni Inossidabili è tra gli appassionati che tanto hanno dato lustro al movimento campano.

Un’avventura iniziata in Fmi nel 2000 e che lo ha visto vincere l’ex TTN ed essere oggi il Segretario degli RMT: “Insieme – racconta Bruno – ad un gruppo di amici ad inizio del nuovo millennio fondammo a Nocera Inferiore un club. Nel 2005 vincemmo il TTN ed il trofeo regionale. L’anno dopo, sempre al TTN, chiudemmo terzi. Nel 2008 inizia la nuova avventura dei Pistoni Inossidabili sempre, però, con lo spirito di coltivare la passione per il turismo in moto”.

Mototurismo, una parola che racchiude tanti modi di vivere il viaggiare in sella: “Per me – spiega- significa fermarsi nei luoghi meravigliosi che si incontrano durante il tragitto o il programma. E’ affacciarsi direttamente sull’ambiente nel quale si viaggia, gustandone, con spirito libero, i colori, i sapori ed i profumi. Nel box ho una Moto Guzzi Norge 1200 ed una Bmw F650; con la prima affronto i viaggi più lunghi ed impegnativi, mentre la seconda la utilizzo per le uscite intorno alla mia regione. A farmi compagnia c’è sempre mia moglie Tina, brava nell’immortalare attraverso le foto le emozioni che viviamo. La Campania fino al 2009 è stata l’eccellenza del Mototurismo nazionale e lo spirito mototuristico era molto diffuso. La tradizione turistica è forte con mete bellissime da percorrere in moto. Mi piacerebbe vederla di nuovo al vertice e credo che ci siano tutte le potenzialità per riuscire ad essere di nuovo il riferimento di chi ha voglia di vivere paesaggi unici, enogastronomia pregevole, arte e storia straordinarie, il tutto condito da strade incantevoli. Da noi il Mototurismo è nel DNA!”.

Il Referente della Manifestazione Turistica è una figura chiave: “Sì – afferma – perché salvaguarda i regolamenti della Commissione Turistica. Il mio ruolo è molto impegnativo perché occorre coordinare i cento RMT con i sessanta raduni d’eccellenza, senza dimenticare i numerosi raduni nazionali. Occorre interagire con la Commissione Turistica tramite Michele Sparano, il responsabile del progetto. Ringrazio Mario Alberto Traverso che mi ha dato piena fiducia per questo delicato ma entusiasmante ruolo”.






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *