Lo Stato Tafazzi

Ricordate Tafazzi, il personaggio ideato da Carlo Turati e interpretato da Giacomo Poretti? Sua caratteristica è il masochismo. Saltella mentre si colpisce l’inguine con una bottiglia di plastica e nel farlo prova piacere. Lo Stato italiano, ossia i governanti degli ultimi anni, è una sorta di Tafazzi. I politicanti nostrani per la maggiore non conoscono cosa sia un’ora di lavoro vero, ed hanno una conoscenza dell’universo motoristico pari a zero. Eppure legiferano su tutto ciò che riguarda la nostra vita e le nostre passioni. I motori, sia per amore sia per necessità, coinvolgono milioni d’italiani e quest’ultimi rappresentano per lo stato dei meri polli da spennare. Non avendo alcuna conoscenza delle dinamiche del “motorismo”, questi politicanti sono tanti Tafazzi, con la differenza che utilizzano come inguine non il loro ma il nostro. Prendete ad esempio l’aumento del Superbollo a tutte le vetture con potenza superiore ai 185 KW voluto dall’esimio professore Mario Monti. A detta del luminare, il balzello avrebbe dovuto portare oltre 168 milioni di euro di entrate in più nelle casse dello stato (non dimenticate che lo stato siamo noi). Invece, nei fatti, ha prodotto una serie di effetti perversi che hanno penalizzato l’erario, il mercato dell’auto e il suo indotto. Meno soldi, meno quattro ruote vendute, meno lavoro. L’unico segno positivo è l’aumento della disoccupazione nel settore. Altro esempio è quello delle accise sulla benzina e gasolio. Con la scusa di far fronte ad un’emergenza (vedi l’attualissima guerra in Abissinia….) i politicanti invece di tagliarsi i privilegi, aumentano il loro peso, con conseguente crescita del prezzo finale. Solo che a furia di aumentarle gli italiani stanno riscoprendo il piacere di una bella passeggiata in bici o sui mezzi pubblici. Contrazione dei consumi che ha cagionato il crollo delle voci legate alla vendita dei carburanti. Morale della favola è che se si vogliono maggiori entrate, non occorre aumentare il carico fiscale, anzi. Bisogna (oltre ad una seria lotta all’evasione) incentivare la spesa e di certo questa non cresce se si provoca disoccupazione. Non è necessario essere dei premi Nobel per comprendere che un carico fiscale eccessivo contrae i consumi. Di becero rigore (guai a toccare certe rendite finanziarie o certi industriali che usano la cassa integrazione per sfruttare i lavoratori italiani e pagare le tasse altrove) si muore. Negli ultimi quattro anni si è dimezzato il numero degli occupati nel settore motoristico. L’Italia è da sempre la patria delle auto e moto più belle, in grado di emozionare, creare occupazione e sviluppo territoriale. Purtroppo i politicanti nostrani amano fare come Tafazzi. Usassero, però, il loro inguine e soprattutto smettessero di governarci. Da chi e cosa dipende? Non dimenticate che potete anche non occuparvi della politica, ma questa si occuperà comunque di voi. Massimo rispetto per le idee di tutti. Cerchiamo, però, di scegliere come nostri rappresentanti le migliori donne e i migliori uomini.






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *